Letteratura Poesia

J.H Prynne, “Poesia dell’aeroporto: etiche di sopravvivenza” Una traduzione inedita

     
The century roar is a desert carrying
too much away, the plane skids off
with an easy hopeless departure.
                 The music, that it should
                 leave, is far down
                 in the mind
just as if the years were part of the
same sound, prolonged into the latent
                          action of the heart.
                          That is more: there
                affection will shoot it up
                like a crazed pilot. The desert
is a social and undedicated expanse, since
what else there is counts as merest propaganda.
                          The heart is a changed
                          petromorph, making
                          pressure a social
intelligence: essential news
or present fact
over the whole distance back
and further, away.
                  Or could be thus, as water
                  is the first social fluency
                  in any desert: the cistern
comes later and is an inducement of false power.
Which makes the thinning sorrow of flight
the last disjunction, of the heart: that
                  news is the person, and love
                  the shape of his compulsion
                           in the musical phrase,
                           nearly but not
                           yet back, into
                           the remotest
                           past.
Of which the heart is capable and will journey
over any desert and through the air, making
the turn and stop undreamed of:
                   love is, always, the
                   flight back                
                   to where
                   we are       
               
 Il ruggito del secolo è un deserto che porta
troppo lontano; l’aereo raschia via
con una facile disperata partenza.
                     La musica, che avrebbe dovuto
                    lasciare, è lontana giù
                    nella mente
come se gli anni fossero stati parte dello
stesso suono, prolungato dentro la latente
                            azione del cuore.
                          Quella è di più: là
             l’affetto lo farà impennare
             come un pilota impazzito. Il deserto
è una distesa sociale e indedicata, dato che
il resto conta come minima propaganda.
                      Il cuore è un mutato
                     petromorfo, sotto la
                     pressione di un’intelligenza
sociale: notizie essenziali
o un fatto presente
sopra l’intera distanza del ritorno
e oltre, lontano.
            O potrebbe essere così, come l’acqua
             è il primo scorrere sociale      
            in ogni deserto: la cisterna
arriva dopo ed è uno stimolo di falsa potenza
che rende il dolore del volo, che va diradandosi,
l’ultima disgiunzione, del cuore: questa
                    notizia è la persona, e amore
                    la forma della sua costrizione
                           nella frase musicale,
                           quasi ma non
                           ancora ritorno, dentro
                           il più remoto
                           passato.
Di cui il cuore è esperto e viaggerà
sopra ogni deserto e nell’aria , rendendo
la deviazione e lo scalo inimmaginabili:
                          amore è, sempre, il
                         viaggio di ritorno
                         verso dove
                         siamo

                   

Jeremy Halvard Prynne (Kent, 1936) è considerato uno dei principali esponenti del tardo-modernismo inglese, figura centrale del gruppo di Cambrige del British Poetry Revival. Ha pubblicato trenacinque raccolte di poesie dal 1962 ad oggi, tutti ristampati in Poems (3° ed. Bloodaxe Books, 2015) di cui ricordiamo ‘Kitchen Poems'(1968), “The White Stones'(1969), ‘Brass’ (1971), ‘Wound Response'(1974, ‘The Oval Window (1983), ‘Her Wild Weasels Returning'(1994), ‘For the Monogram’ (1997), ‘Red D Gypsum'(1998).

In Italia Franco Buffoni ha pubblicato alcune sue poesie in versione bilingue in  Almanacco dello Specchio, 13 (1989).

“Poesia dell’aeroporto: Etiche di sopravvivenza” (mai tradotta in italiano) apre “The White Stones”, una delle raccolte più importanti del poeta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*