All’interno del laboratorio testoriano Nota filologica su Il Dio di Roserio

“La filologia d’autore ci porta direttamente dentro il laboratorio degli scrittori, ci spinge a conoscere  i loro segreti, le loro “ricette”, a penetrare il meccanismo di funzionamento dei loro testi.” Così Paola Italia e Giulia Raboni nel manuale Che cos’è la filologia d’autore  riassumono il nucleo di interesse della disciplina. Questa citazione inquadra il punto…

Ottiero Ottieri: sfruttamento e solitudine in ‘Tempi stretti’

Gli anni ’50 rappresentano un periodo ricchissimo per la storia d’Italia: dopo il ventennio fascista, gli orizzonti si riaprono, si respira voglia di cambiamento, nasce la televisione e l’Italia da paese prevalentemente agricolo si trasforma in paese industriale. All’interno di questo contesto la letteratura e l’intellettuale occupano un ruolo centrale. Come afferma Italo Calvino, la…

Primo Levi, trent’anni dopo L'eredità dell'autore tra eventi ed edizioni

Ricorre quest’anno il trentesimo anniversario dalla scomparsa di Primo Levi, lo scrittore torinese morto suicida nella sua casa l’11 aprile del 1987. Il Salone Internazionale del libro di Torino dedicherà all’ autore una serie di eventi al fine di celebrarne l’opera e l’importanza storico-letteraria. Il Centro internazionale di studi Primo Levi sarà infatti presente al Salone…

Jean-Pierre De Mesmes e la sua Grammaire Italienne L'affermazione della dignità dei volgari nel'500

La necessità di dimostrare che anche il volgare, e non solo il latino, era dotato di grammaticalità e  regole ed il bisogno di unificare una prassi scrittoria diversificata tra lingua cortigiana e lingua della cancelleria favorirono in questo periodo la nascita delle prime grammatiche a stampa dell’italiano. L’estraneità di questi manuali da fini propriamente didattici…

L’opera in versi: Unicum nel panorama letterario italiano

Fondamentale esponente del panorama letterario novecentesco e vincitore nel 1975 del premio Nobel per la letteratura, Eugenio Montale morì nel 1981 lasciandoci un inestimabile patrimonio di immagini poetiche: dal “male di vivere” degli Ossi di seppia alla “poetica dell’oggetto” de Le occasioni, fino agli spunti ironici e ai toni dimessi e colloquiali delle ultime raccolte.…

La Lingua della psicosi come lingua della menzogna Finta sentimentalizzazione della bugia

La lingua è uno dei principali strumenti di manipolazione. Sintassi e lessico usati in un determinato modo possono essere un potente strumento di distorsione della realtà, al fine di piegarla all’obiettivo del parlante, all’effetto cioè che questo punta ad ottenere sull’interlocutore. Manipolazione e dunque trasmissione della menzogna, del falso. Dal punto di vista delle strutture…

Per una moralità del giornalismo La modernità del pensiero di Joseph Pulitzer

Tutti certamente conoscono il prestigioso premio giornalistico americano Pulitzer. La storia di questa importante onorificenza ha avuto inizio nel 1917, sei anni dopo la morte del giornalista ungherese-americano, nonché magnate della stampa statunitense, al cui nome è dedicato. Ma a Joseph Pulitzer va attribuito anche il merito di essere stato il primo ad intuire l’utilità…

Il servo Elia nella Vita di Alfieri “Uomo di sagacissimo ingegno, di un'attività non comune”

Che Vittorio Alfieri scrisse una geniale autobiografia è cosa nota. L’opera, sempre più rivalutata dalla critica come forse il maggior merito dell’autore, può essere considerata un vero e proprio romanzo ed è suddivisa in quattro “epoche” corrispondenti alle fasi della vita del conte di Asti (puerizia, adolescenza, giovinezza e maturità). Di questo racconto, pubblicato postumo…

“L’immagine di me voglio che sia”. Guido Gozzano e Torino Il poeta e la città della Mole cento anni dopo

Si è appena chiuso il 2016, centenario dalla morte di Guido Gozzano. L’autore torinese,  morto a soli 33 anni a causa della tubercolosi, è protagonista dal 4 ottobre di una serie di importanti eventi organizzati nella sua città natale dal Centro di studi di Letteratura italiana in Piemonte Guido Gozzano – Cesare Pavese. L’obiettivo è…