The Sopranos’ dream: riscoperta di una visione antropologica della quotidianità criminale

La corrente cinematografica del gangster, inaugurata nel 1932 da Howard Hawks e dal suo Scarface, è riuscita a trovare la sua più compiuta realizzazione televisiva nella serie The Sopranos, produzione originale di David Chase per la HBO, trasmessa in onda per la prima volta nel 1997. Un debutto fondamentale per l’inaugurazione ufficiale dell’età d’oro delle…

“The Young Pope” di Paolo Sorrentino: un’illusoria e travagliata ricerca spirituale e affettiva

Il “silenzio cinematografico” dell’eccentrico regista Paolo Sorrentino, ora interrotto dal debutto nelle sale cinematografiche della prima metà del film Loro, è in parte giustificato dall’impegno infuso nell’esperienza televisiva di The Young Pope (2016), prodotto affascinante e misterioso in grado di affermare a livello mondiale la nascita di una serialità italiana d’autore. Il primo esperimento televisivo…

Quando la Natura rivendica il suo ruolo: "Gli Uccelli" di Hitchcock a metà tra catastrofismo e paura dell’abbandono

L’ornitofobia, più comunemente nota come paura degli uccelli, è una fobia capace di canalizzare una delle ansie sociali più diffuse tra la popolazione mondiale: quella di subire un attacco da parte di un’entità imprevedibile e incontrollabile appartenente alle travolgenti forze della Natura. Una paura ereditata dagli albori di un’epoca preistorica che, tuttavia, continua a tormentare…

Disumanizzazione e ricerca dell’identità: Blade Runner e la sfida evolutiva richiesta da una società distopica

“Io… ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.” Questa conosciutissima frase, ormai entrata a far parte dell’uso comune, deriva dal monologo finale dell’androide Roy Batty, antagonista di Rick Deckard, personaggio interpretato da Harrison Ford nella pellicola Blade Runner, produzione originale di Ridley Scott del 1982. Collocandosi a quasi dieci anni di distanza…

“La vacanza del 2000 oggi”: Westworld e le implicazioni morali della coscienza artificiale

Pochi mesi separano ormai la “TV d’autore” dalla messa in onda della seconda stagione di una serie televisiva acclamata già nel corso del 2016: Westworld – Dove tutto può accadere. Una produzione esclusiva partorita dal genio artistico di Jonathan Nolan, regista dell’episodio pilota, e della moglie Lisa Joy, che annovera tra i suoi produttori personalità…

I segreti di David Lynch L’onirismo, il soprannaturale e l’evocazione del male

Tramessa in onda, per la prima volta, negli Stati Uniti tra il 1990 e il 1991, I segreti di Twin Peaks è una serie televisiva in due stagioni, che reca il marchio inconfondibile dell’estro surrealista del regista David Lynch, coadiuvato dallo sceneggiatore Mark Frost. Serie dal destino altalenante, comunque contrassegnata dall’etichetta di “TV d’autore”, Twin…

“Duo e duello” nella città di K: coppie di gemelli e scrittura come liberazione

La tematica gemellare ha sempre esercitato, nel corso della storia dell’umanità, un grande fascino nei confronti di artisti e scienziati che si sono dedicati all’analisi e alla rappresentazione delle dinamiche che possono presentarsi all’interno di una coppia così misteriosa come solo quella gemellare sa essere. Ovviamente, anche la letteratura si è dedicata all’analisi di questa…

“Ma dici a me?”: Martin Scorsese e “Taxi Driver” come emblemi della New Hollywood

Nel decennio 1960-1970, negli Stati Uniti, dopo le sperimentazioni del cinema underground, che segnano la carriera di molti importanti artisti statunitensi, come Andy Warhol, nasce una nuova concezione di cinema che punta ancora al rinnovamento, al sovvertimento, senza però dimenticare il contributo fondamentale della tradizione: questi sono i germi che porteranno allo sviluppo del fenomeno…

David Lynch e “Lost Highways” Uomini Misteriosi e universi psicoanalitici

Nel panorama del cinema americano degli anni ’80-’90, in un clima di totale rottura nei confronti degli esperimenti realizzati in passato, si innesta l’opera di un regista fondamentale per lo sviluppo di un cinema che è totale reinvenzione del reale: David Lynch. La sua carriera viene segnata dal successo di film destinati a diventare cult,…

Burgess e Kubrick, due “orange” a confronto: Quando due linguaggi artistici differenti diventano complementari

“A clockwork orange” è un titolo che, nell’immaginario collettivo, richiama alla mente due capolavori diversi, ma al tempo stesso complementari: il romanzo di Anthony Burgess e la sua trasposizione cinematografica ad opera di Stanley Kubrick. Entrambi, ruotano attorno alle vicende del giovane Alex DeLarge dedito, insieme ai suoi amici drughi, a compiere atti di ultra-violenza.…