“Un guerrillero no muere para que se lo cuelgue en la pared” “Guerrillero Heroico”: breve storia della fotografia più famosa al mondo.

4 marzo sembra essere una data già vista, già sentita, 4 marzo potrebbe ricordare una celebre canzone di Lucio Dallaa in quel caso correva l’anno 1943 mentre 4 marzo 1960 è una data forse poco conosciuta ma interessante per un’immagine in particolare: una fotografia che è diventata un simbolo, l’icona di un mito.  Il 4…

Venezia, la Serenissima Nascita di una potenza marittima

  Venezia è una delle più belle e caratteristiche città italiane. I motivi sono molteplici: la particolare urbanistica della città con numerosi canali navigabili, la commistione architettonica tra occidente e oriente e, forse meno evidente, ma di gran lunga più importante, il suo passato di ricca e potente città mercantile mai soppiantata, nemmeno dallo spostamento…

Provai a sbagliare per sentirmi errore Fenomenologia di Franco Califano

Franco Califano era un personaggio peculiare nel mondo della canzone italiana, sembrava più un gangster che un cantautore, la sua immagine ha sempre offuscato il talento nello scrivere canzoni. La vita e le canzoni di Califano ruotano attorno all’altra metà del cielo, gli viene persino chiesto di scrivere un libro sul sesso. “Sapete perché ho…

La malattia secondo Virginia Woolf Saggio sul dolore e sulla sua utilità

Il breve saggio Sulla malattia scritto da Virginia Woolf nel 1925, nonostante appartenga ad un contesto ormai mutato, può ancora contribuire a cogliere i rapporti complessi tra malattia, società, lingua e letteratura. Ad apertura di libro infatti leggiamo: Considerato quanto sia comune la malattia, di quali proporzioni sia il mutamento spirituale che essa produce, […],…

Un viaggio nei misteri della vita quotidiana Una raccolta di racconti all'insegna dell'inaspettato

“La paura è una grande passione, se è vera deve essere smisurata e crescente. Di paura si deve morire. Il resto sono piccoli turbamenti, spaventi da salotto, schizzi di sangue da pulire con un fazzolettino. L’abisso non ha comodi gradini”. Se siete alla ricerca di un’opera che sappia inquietare le vostre menti, ma al tempo…

Sarah Kane: “in-yer-face” sadness La poetica di un'anima sporca

Il teatro inglese contemporaneo a partire dagli anni ’90 ha visto l’affermarsi di una delle correnti più brillanti e controverse che la sua storia ricordi: quella del cosiddetto “in-yer-face theatre” (Letteralmente “sbattuto in faccia”). Il perché di questa definizione è subito comprensibile se si vanno ad analizzare gli autori principali di questo filone che, figli…