Primo Levi, trent’anni dopo L'eredità dell'autore tra eventi ed edizioni

Ricorre quest’anno il trentesimo anniversario dalla scomparsa di Primo Levi, lo scrittore torinese morto suicida nella sua casa l’11 aprile del 1987. Il Salone Internazionale del libro di Torino dedicherà all’ autore una serie di eventi al fine di celebrarne l’opera e l’importanza storico-letteraria. Il Centro internazionale di studi Primo Levi sarà infatti presente al Salone…

La realtà modernista Il realismo di Joyce, Eliot e Woolf

Le formulazioni teoriche e le realizzazioni letterarie dei principali artefici dell’high Modernism (Pound e Eliot in primo luogo) mirano a dar conto della necessità, per la letteratura inglese, di elaborare una rappresentazione veramente oggettiva della modernità. I cosiddetti men of ’14 (Pound, Eliot, Joyce, Lewis), influenzati dalle esperienze belliche, dalle riflessioni filosofiche di Thomas Ernest…

Simona Vinci: La prima verità e la follia Discorso a margine

Parlare di follia spesso implica un presupposto definitorio: la follia è alterità, e l’esigenza primaria è segnalare la lontananza reciproca di insanità e ragione. È importante, insomma, creare un confine, separare le contiguità, sezionare e recidere. Commentando una frase di Dostoevskij nel Diario di uno scrittore  – “Non è rinchiudendo il vicino che ci si…

La critica secondo Walter Benjamin

Nato a Berlino nel 1892 da una famiglia ebrea, Walter Benjamin riscopre intorno ai vent’anni l’ebraismo. Il successivo approfondimento della filosofia kantiana e del romanticismo culminano nella Tesi Il concetto di critica nel primo romanticismo tedesco. Pubblica in seguito Per la critica della violenza, Il compito del traduttore, un saggio sulle Affinità elettive, un grandioso…

Waiting for Samuel Beckett il tempo come forza che produce la frammentazione dell’io

Samuel Beckett, scrittore e drammaturgo irlandese, venne proiettato nel panorama della letteratura europea del ‘900 grazie alla composizione della “Trilogia”, una serie di romanzi che si pone come obiettivo principale quello di avviare un’opera di riconfigurazione del romanzo moderno, sancendo anche la sua progressiva distruzione.  Tuttavia, Beckett  si staccherà ben presto dalla produzione narrativa, dedicandosi…

Lewis Carroll oltre lo specchio delle apparenze Alice e la sua importanza nella reazione anti-vittoriana

Gli scrittori della seconda metà dell’età vittoriana, rispetto a quelli della prima metà, si caratterizzarono per un maggior impegno sociale e per la predilezione nei confronti di una vera e propria reazione anti-vittoriana. In questo contesto, si insersce la figura complessa ed enigmatica di Lewis Carroll, autore di una delle storie più lette e conosciute…

Per una moralità del giornalismo La modernità del pensiero di Joseph Pulitzer

Tutti certamente conoscono il prestigioso premio giornalistico americano Pulitzer. La storia di questa importante onorificenza ha avuto inizio nel 1917, sei anni dopo la morte del giornalista ungherese-americano, nonché magnate della stampa statunitense, al cui nome è dedicato. Ma a Joseph Pulitzer va attribuito anche il merito di essere stato il primo ad intuire l’utilità…

Natsuo Kirino e la critica al Giappone contemporaneo: Quando le restrizioni sociali distruggono le relazioni umane

  Il Giappone, nazione che vanta un’antichissima e radicata tradizione, da sempre riesce ad affascinare tramite le sue originali elaborazioni culturali le menti di numerosi pittori, scrittori e artisti in generale. I manga, ovvero i fumetti giapponesi, sono riusciti negli ultimi anni a conquistare, a un livello più popolare, la fantasia di numerosi giovani lettori…